Prevenzione odontoiatrica: obiettivi pratici e realizzabili

Enrico Calcagno, Clara Miralbell Izard

Il Convegno Nazionale di sabato 27 maggio 2017 ha permesso alla specialità odontoiatrica di fornire delle possibili linee guida atte a facilitare il percorso della salute orale alle ragazze Rett.

Si è posta l’attenzione sulla estrema utilità di creare nelle varie regioni dei nuclei di Terapia Domiciliare, composti da un odontoiatra e da una igienista dentale che, adeguatamente attrezzati, si rechino nei vari istituti diurni e/o residenziali e al limite al domicilio del paziente per espletare le fondamentali terapie di prevenzione, igiene orale, ed anche terapie di piccole carie ovviamente previo benestare neurologico.

Si può immaginare come un costante monitoraggio possa ridurre drasticamente situazioni cariogene e gengivali gravi e di conseguenza le inevitabili bonifiche in anestesia generale in regime di ricovero; ciò offre un innegabile vantaggio alla qualità di vita delle ragazze e dei loro famigliari.

Nella nostra relazione si è voluta trasmettere l’esperienza quasi ventennale svolta al Fa.Di.Vi. di Genova, esperienza che conferma come un buon e continuo approccio, a cadenza anche bimensile, dia risultati veramente importanti per la salute dei pazienti. La relazione inoltre auspica una più fattiva collaborazione con la Società Italiana di odontoiatria per l’Handicap (S.I.O.H.) che mette a disposizione sul suo sito web i nomi delle strutture pubbliche odontoiatriche di tutte le regioni ove potersi rivolgere.

Nella giornata di sabato, a dimostrazione di quanto sopra, un odontoiatra e una dottoressa in igiene orale hanno visitato, e in molti casi effettuato terapie di igiene orale e prevenzione, ventuno ragazze; il tutto si è svolto in una camera ove prontamente sono state allestite le varie strumentazioni prestate a tal fine dalla Associazione Down Savona Onlus (ADSO) come documentato dalle foto qui sopra.

Notevole il riscontro positivo dei famigliari che hanno così potuto verificare come si possa serenamente offrire alla propria figlia una assistenza odontoiatrica efficace e continua nel futuro.

I commenti sono chiusi.