Pet Therapy, ovvero terapie assistite con animali

Speciale Siena 2003

Pet therapy, ovvero terapie assistite con animali. La vicinanza di un animale domestico nella riabilitazione psichica e motoria di un individuo può avere un’influenza decisiva. È quanto stimano gli operatori dell’A.N.U.C.S.S., un’associazione romana che da qualche tempo propone attività e terapie di recupero utilizzando il cane.

Esiste a Roma l’A.N.U.C.S.S. (associazione nazionale utilizzo del cane per scopi sociali) che, dal 1998, opera con il supporto di medici, psicologi, istruttori e operatori cinofili altamente qualificati.

L’associazione onlus propone programmi di pet-therapy, o terapia con animali domestici, in questo caso il cane, per la riabilitazione psichica e motoria di persone portatrici di handicap, anziani, bambini o in tutti quei casi in cui è necessario assicurare benessere e miglioramento della qualità della vita.

“Il cane è visto come elemento motivante nella prospettiva terapeutica”, affermano gli operatori dell’l’A.N.U.C.S.S., poiché è l’animale più adatto a questo tipo di attività per la sua socialità, per la sua capacità di recepire e trasmettere segnali comunicativi agli esseri umani”.

Nel rapporto con l’uomo il cane si dimostra estremamente disponibile allo scambio affettivo attraverso una comunicazione non verbale. La facilità a trasmettere emozioni e a inviare stimoli sensoriali reciproci costituisce per molti soggetti inibiti proprio in questo tipo di scambio, un importante strumento di espressione e comunicazione.

Il cane, nelle attività e nelle terapie assistite, va comunque “scelto”. Ogni paziente sceglierà il cane più adatto alle sue esigenze e solo un team qualificato che preveda al suo interno operatori specializzati potrà effettuare tale scelta.

Ma vediamo più in particolare di cosa si tratta. Gli operatori dell’ANUCSS distinguono le semplici attività assistite con gli animali dalle terapie vere e proprie. Le prime sono attività di tipo ricreativo che hanno come obiettivo offrire ai praticanti stimoli positivi all’interno di momenti di svago e socializzazione.

Le terapie, invece, sono interventi con obiettivi specifici e predefiniti, nei quali i cani diventano parte integrante di un programma terapeutico ideato ed eseguito da un terapeuta professionista con esperienza specifica nel campo. L’impiego degli animali nelle attività o negli interventi terapeutici veri e propri, contribuiscono a un sensibile miglioramento di salute del paziente, potenziano e accrescono il benessere, l’indipendenza e la qualità della vita di un individuo.

Terapie di questo tipo migliorano abilità motorie, favoriscono e incrementano le condizioni di equilibrio, favoriscono la capacità di attenzione, sviluppano l’autostima riducendo stati di ansia e insicurezza. Ecco perché gli interventi sono spesso indicati per quei soggetti scarsamente autonomi o in condizione di disabilità più o meno accentuate.

Per informazioni:

A.N.U.C.S.S., via F.Paolini 14 00122 Lido di Roma.

I commenti sono chiusi.